Alberghi a Naxos

» fai la tua prenotazione direttamente nell’albergo che hai scelto Prezzi imbattibili » 16 anni goNaxos.com
Hotel Naxos
La mia prenotazione » Booking Ref. Password
Facebook Twitter Google Bookmarks Yahoo Del.ici.ous StumbleUpon
Naxos Hotels

Alberghi a Naxos

Arrivo (gg-mm-anno)
Partenza (g-mm-anno)

I MIGLIORI PREZZI

Antichità

Così come accadde nel resto delle Cicladi, a Naxos la cultura cicladica locale originale si sviluppò già attorno al 3000 a.C.

La civiltà micenea (1600 – 1200 a.C.) che si diffuse in tutta la Grecia, lasciò la sua impronta anche a Naxos. Vasellame, spade, sigilli ed altri ritrovamenti sono stati riportati alla luce e trasferiti nei musei di Naxos e di Atene.

Il commercio marittimo era ben avviato nel settimo secolo (periodo arcaico). Nello stesso periodo vi fu una particolare fioritura in campo artistico, specialmente nella scultura. Naxos era rinomata già allora per il marmo, utilizzato nella costruzione di templi dei santuari più importanti del periodo arcaico, come quello di Apollo a Delfi e a Delos.

Verso la metà dell’ottavo secolo a.C., l’isola prese parte all’opera di colonizzazione e nel 735 o 734 a.C., in collaborazione con Halki ed Evia, fondò la colonia dei Giardini di Naxos in Sicilia, alle falde dell’Etna.

L’isola ebbe il suo momento d’oro durante la tirannia di Ligdami, nella seconda metà del sesto secolo a.C. Fu allora che iniziò la costruzione del Tempio di Apollo, in competizione con i grandi templi ionici a doppio colonnato eretti in quel periodo da Pisistrato ad Atene e da Policrate a Samos.

Sebbene dopo la devastazione ad opera dei Persiani nel 490 a.C. l’isola non ritornò mai più all’antico splendore, i naxioti contribuirono attivamente, con quattro navi, alla battaglia di Salamina.

Quale membro della Lega di Delo, Naxos si trovò sotto il giogo ateniese. Durante il regno dei successori di Alessandro Magno, Naxos fece parte della Confederazione o Lega delle Isole, la quale passo sotto dominio egizio, macedone e di Rodi. Le immagini sulle monete arcaiche di Naxos che raffigurano un cantaro avvolto nell’edera, dal quale pende un grappolo d’uva, sono da associare al culto di Dioniso.

Quando, nel 490 a.C., gli Ateniesi spedirono 500 colonizzatori sull’isola, la coniazione di monete venne sospesa, per riprendere, seguendo lo standard di Rodi, nel quarto secolo a.C. Le monete in argento e bronzo avevano impressa la testa di Dioniso ed il cantaro.

Naxos ed il suo bagaglio storico

Civiltà cicladica
Museo, Isola di Naxos (a Hora)
Temple od Dimitra in Sagri area

Isola di Naxos - La Guida di Viaggio
Home

Alberghi
Naxos in breve Spiagge Tempo libero a Naxos Storia Informazioni
English Ελληνικά Italiano
Home :: Termini e condizioni :: Norme sulla privacy :: FAQ
facebook gonaxos.com Best of Naxos Island 2001-2017 ©goNaxos.com